Se la batteria non è carica sei finito! Come smentire i nostri ex amici supernerd!

Quante volte, in un giorno,  la batteria del tuo smartphone si scarica? Tra app, video, link e altro; quante sono le imprecazioni contro i nostri fedelissimi amici. Tenerli carichi ed attivi è diventata una fonte di sicurezza personale.

Spesso si scaricano quando meno te lo aspetti; nel momento meno opportuno, che non avevi previsto. La prima cosa che ci passa per la mente se non abbiamo una batteria con noi è : sono fregato!

Ecco tre errori da evitare. Come smentire le convinzioni dei nostri ex amici supernerd!

 

Se la batteria non è completamente carica non sei finito. Non devi roderti il fegato per aspettare che arrivi al 100 % per uscire di casa. L’effetto memoria a cui siamo stati abituati è un ricordo delle precedenti batterie al nichel e al cadmio e non ha effetti sulle nuove tecnologie.

Altro errore è lasciare il telefono attaccato alla presa tutta la notte. Il nostro smartphone è un oggetto che può subire a lungo, un forte stress se messo per troppo tempo a caricare. E’ importante staccare l’alimentatore al momento giusto. La percentuale di carica perfetta è tra il 20 e l’80 percento.

Altra abitudine molto diffusa è aspettare che il telefono stia per spegnersi per poterlo ricaricare. Questa tendenza è poco furba perché trae origine da abitudini legate alle precedenti tecnologie. Aspettare il momento giusto per la ricarica è una pratica inutile.

Da non dimenticare inoltre, che i dispositivi lavorano meglio se mantenuti in un intervallo di temperatura compreso tra i 16 e i 22 ° C.  Non caricare, se non necessario, i dispositivi quando fa molto caldo. Il caldo non è fastidioso solo gli essere umani.

 

Sharing Panel

rss-subscribe

Non perdere i prossimi articoli! Iscriviti al Feed RSS
Oppure abbonati gratis via Mail:

Inoltre puoi:

 

By with No Comments 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *